Tutti conoscono il “Grande Fratello”. Pochi sanno che, in realtà, il celebre “GF” trae ispirazione dal romanzo visionario di George Orwell. La cosa ancora più sconvolgente è che Orwell ha iniziato a scrivere questo romanzo nel lontano 1948 (da qui il titolo ottenuto invertendo gli ultimi due numeri). Orwell ha saputo immaginare un mondo che all’epoca sembrava assurdo: una società interamente spiata dall’occhio di un’entità misteriosa: “Il Big Brother”. Oggi, purtroppo, non siamo molto lontani da quella realtà così apocalittica.

Sinossi del libro

Londra nel 1984. Il mondo è stato sconvolto da una guerra atomica scoppiata dopo la II Guerra mondiale. Al potere vi sono tre super potenze totalitarie: Oceania, Eurasia ed Estasia.

In Oceania il comando è affidato ad un partito di stampo comunista, incarnato da un dittatore, il “Big Brother”, che compare ovunque. Il partito spia le persone, costrette a indossare tute e numeri di identificazione. Le città sono sorvegliate dalla psicopolizia che ha il compito di punire chiunque pensi ad un’azione sovversiva. Protagonista del romanzo è Winston Smith un giovane impiegato che ha il compito di modificare libri, giornali e testi storici in modo da contribuire alla fama del partito. Ma Winston prova un sentimento di odio verso il regime. La sua vita cambia quando incontra Julia, anch’essa profondamente contraria alla dittatura. I due sono costretti a tenere nascosta la loro relazione poiché il regime vieta le relazioni che non abbiano lo scopo di procreare.

Winston e Julia decidono di collaborare con un’associazione di ribelli, chiamata “la Confraternita” guidata da O’Brien che fin da subito si mostra molto paterno nei confronti di Winston. Ma O’Brien è, in realtà, un ufficiale della psicopolizia che fa arrestare i ragazzi. I due vengono portati in prigione e torturati. Le torture fisiche e mentali a cui vengono sottoposti sono terribili e alla fine, Winston cede e rinnega i suoi sentimenti anti-governativi. Il romanzo termina con i due che si ritrovano in un parco, entrambi fedeli sostenitori del Grande Fratello. In seguito Winston muore, probabilmente colpito da un proiettile, con l’immagine dell’amato Big Brother nella sua mente.

Giudizio sul libro

“1984” è una pietra miliare nella letteratura internazionale. La forza visionaria di Orwell è incredibile e la sua maestria nel descrivere una società annichilita e soggiogata è incredibile. Il testo è ricco di riferimenti al contesto storico e politico contemporaneo. Lo stesso viso del Grande Fratello presenta tratti fisici di Hitler e Stalin. “1984” è, contemporaneamente, un romanzo storico, politico e di denuncia sociale. Un libro senza tempo, da leggere e rileggere.

Chi è George Orwell

George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair nacque in India nel 1903 da una famiglia di origini scozzesi. Oltre che scrittore, Orwell è stato un giornalista e attivista politico. Ha vissuto in Inghilterra, Francia e Spagna e ha combattuto contro il regime franchista. Di orientamento socialista, Orwell era contrario a qualsiasi forma di dittatura. Le sue opere più famose sono “La fattoria degli animali” e “1984”. Malato da tempo, Orwell è morto a Londra nel 1950.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *